Recensione testo “Quel figlio che non ho… Storie di donne e di uomini tra diritti, scelte personali e condizione umana” di Claudio Gerbino

E’ stato pubblicato da poco dal Centro Interdisciplinare di Psicologia e Scienze dell’Educazione KOINE’ l’ultimo libro del Dott. Claudio Gerbino dal titolo “Quel figlio che non ho… Storie di donne e di uomini tra diritti, scelte personali e condizione umana”.

L’autore dà voce ai tanti pazienti ricevuti nel suo studio di psicoterapeuta nel corso di oltre quarant’anni, e racconta le storie di sofferenza e di angoscia di coloro che non sono riusciti ad avere un figlio, o che, pur avendolo avuto, non sono riusciti a sentirlo come proprio.


Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Spiega i motivi per cui uomini e donne si sottopongono a tecniche di procreazione assistita o pretendono di ricorrere alla maternità surrogata in nome di un diritto. Spiega come a volte si può volere un figlio a tutti i costi per riempire un vuoto personale o come una panacea dei propri problemi.

Il Dott. Gerbino si mette dalla parte dei bambini e dei loro diritti, riflette su quali influenze la fecondazione in vitro possa avere sullo sviluppo psichico di un figlio così concepito e illustra le sofferenze che procura l’allontanamento del bambino appena nato dalla madre che lo ha generato.

Leggendo il libro ci si accorge di come, nei frequenti dibattiti sull’opportunità o meno dell’utero in affitto, si dia più importanza ai progetti degli adulti che non ai diritti dei bambini.

Associazione Culturale Il Segreto di Aladino

ilsegretodialadinoinfo@gmail.com

https://www.facebook.com/ilsegretodialadino

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...